Anki Overdrive: le macchinine si guidano con un' App - Softme Applicazioni Mobile
790
post-template-default,single,single-post,postid-790,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Anki Overdrive: le macchinine si guidano con un’ App

anki overdrive è la pista di macchine comandate da un app mobile dentro il tuo telefonino

Anki Overdrive: le macchinine si guidano con un’ App

Le App fanno ormai parte del nostro vivere quotidiano e l’ambito del gioco non è certo esente da questo trend.

Con il Natale ormai alle porte spuntano le idee regalo più fantasiose. Una di queste è sicuramente Anki Overdrive .

 

Si tratta di un gioco che è da sempre un classico di grandi e piccini: una pista di macchinine per sfidare gli amici in corse sfrenate verso la vittoria.

Ma a differenza delle famose piste Polistil, tanto in voga Dagli anni ’60 agli anni ’90, Anki Overdrive permette ai piloti di comandare il proprio bolide con il proprio smartphone, sfruttando tecnologie di robotica.

Scaricando infatti l’apposita App mobile, sterzate, frenate e sorpassi saranno gestiti direttamente dal proprio telefono cellulare e dall’intelligenza artificiale delle auto.

 

Con circa 180 € il kit base potrà essere vostro. All’interno sono compresi 2 veicoli, la piattaforma per ricaricarli e svariati sezioni della pista che permettono la costruzione di ben 8 circuiti differenti.

Se poi il gioco dovesse prendervi la mano avrete la possibilità di acquistare tutta una serie di espansioni per creare nuovi circuiti o avere mezzi più potenti.

 

La tecnologia di Anki Overdrive

In ogni singola sezione di pista sono stati inseriti degli schemi di codifica ad infrarossi incorporate nelle tracce. Queste sono sono rivestite da uno strato superiore di inchiostro trasparente per favorire trazione e protezione.

I codici servono come indicatori della posizione della corsia (ci sono 16 possibili corsie).

Le macchinine traducono queste informazioni per determinare dove si trovano in relazione alla traccia generale, quanto velocemente si stanno muovendo e in quale direzione sono dirette.

Ogni automobilina possiede al suo interno un processore e una microcamera ad infrarossi che scansiona l’ambiente circostante 500 volte al secondo. I dati acquisiti vengono così inviati al pilota.

Così facendo le automobili hanno una totale consapevolezza del circuito in cui si trovano e possono programmare le successive mosse da eseguire o suggerirle al pilota.

VIDEO 

 

E allora? Siete pronti a sfidare i vostri amici con la vostra macchinina intelligente comandata da un app mobile del vostro smartphone?

No Comments

Post A Comment