PHOTO ARK: animali a realta' aumentata - Softme Applicazioni Mobile
798
post-template-default,single,single-post,postid-798,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

PHOTO ARK: animali a realta’ aumentata

Photo ark immagini di animali a realtà aumentata

PHOTO ARK: animali a realta’ aumentata

12 anni di lavoro, oltre 300 zoo visitati, più di 7400 animali fotografati: sono questi alcuni numeri del progetto Photo Ark.

Un’opera incredibile a cura di Joel Sartore, fotografo del National Geographic.

Scopo di questo monumentale lavoro è sensibilizzare le persone sul problema dell’estinzione delle specie animali e, più in generale, sulla fragilità degli ecosistemi terrestri.

Tutto iniziò quando alla moglie del fotografo fu diagnosticato un tumore al torace. Alla fine la vita prevalse e il tumore fu sconfitto ma Sartore rimase colpito da quanto potesse essere fragile la vita.

 

“How can I get people to care that we could lose half of all species by the turn of the next century?”

Come far capire alla gente che entro la fine del prossimo secolo potremmo perdere la metà delle specie animali esistenti?

 

Ecco allora che Joel Sartore fonda il progetto Photo Ark ovvero la documentazione di tutte le specie animali prima che scompaiano con lo scopo di sensibilizzare la gente “prima che sia troppo tardi”.

 

Perdita di habitat,  bracconaggio, cambiamenti climatici indotti dall’uomo stanno seriamente minacciando la biodiversità terrestre.

Lo stile essenziale e semplice degli scatti serve a trasmettere al visitatore l’essenzialità della vita. Lo sfondo nero o bianco, comune a tutte le immagini, trasmette grandiosità e imponenza al topo tento quanto un maestoso elefante.

Questo perché” dice l’autore, “pur nella loro diversità sono equivalenti.

Tutte le specie sono di vitale importanza per la nostra stessa sopravvivenza; abbiamo bisogno di api e persino di mosche per impollinare i frutti e le verdure che mangiamo. Abbiamo bisogno di foresta pluviale intatta per regolare la quantità di pioggia che utilizziamo nelle aree in cui coltiviamo. Ma al di là dell’aspetto utilitaristico per l’uomo, credo che ogni specie abbia il diritto fondamentale di esistere.

Ci sono circa 12.000 specie animali in tutto il mondo. Fino ad ora ho realizzato ritratti di oltre 6.500 e continueremo fino a quando non li avremo tutti. Ci vorranno altri 15 anni circa. L’obiettivo è mostrare al mondo come appare la biodiversità e far sì che tutti si preoccupino di salvare le specie finché si è ancora tempo.

…il futuro della vita sulla Terra è qualcosa che merita tutta la nostra attenzione.

 

QUI potete ammirare alcuni video di animali immortalati nella mostra .

 

PHOTO ARK IN ITALIA

La mostra itinerante è ora in Italia, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, fino al 22 aprile 2018, con una selezione di scatti.

Un novità molto interessante di questa esposizione fotografica è l’inserimento della realtà aumentata. Attraverso questa tecnologia infatti, sarà possibile per i visitatori interagire con alcune specie animali immortalate nella mostra.

Splendide immagini e tecnologie all’avanguardia al servizio della salvaguardia del nostro pianeta: questo è Photo Ark!

I biglietti sono acquistabili anche online attraverso il circuito TicketOne.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.